/
23 Views0

Mangia bene e goditi il gusto di cibi sani! Insieme troveremo la migliore combinazione per avere un piatto colorato, ricco di vitamine, minerali, antiossidanti naturali e polifenoli che proteggono la nostra salute. Sapevi che per ogni colore negli alimenti c’è un significato?

  • Arancione, Giallo – Il colore è dovuto alle elevate quantità di beta-carotene, una sostanza appartenente alla famiglia dei carotenoidi, che il nostro corpo può convertire in vitamina A, fondamentale per molte funzioni dell’organismo. In realtà, contribuisce al normale metabolismo del ferro e al mantenimento della pelle, della corretta capacità visiva e della funzione del sistema immunitario. Inoltre, sia il beta-carotene che la vitamina A sono potenti antiossidanti che vengono assorbiti dai grassi e se assunti con il cibo non causano problemi di sovradosaggio. In questa famiglia contiamo con albicocca, arancia, carota, clementina, kaki, limone, mandarino, melone, zucca ecc.

  • Rosso – Frutta e verdura di colore rosso hanno un alto contenuto di due fitochimici ad azione antiossidante: il licopene e gli antociani, a parte una notevole quantità di vitamina C! Inoltre, sono una buona fonte di acido ellagico, quercetina, esperidina, fibre e vitamina A. Possiamo includere in questa famiglia anguria, arancia rossa, barbabietola rossa, ciliegia, fragola, pomodoro, ravanello, ecc.

  • Verde – Ci sono due sostanze nutritive che condividono tutte le verdure verdi, che sono il magnesio e l’acido folico. Il magnesio come parte della molecola della clorofilla è molto diffuso nelle verdure verdi e contribuisce al normale metabolismo e al normale funzionamento del sistema nervoso e muscolare. L’acido folico o il folato, invece, contribuisce alla normale crescita, al controllo della fatica, alla corretta crescita del feto e dell’embrione e alla normale funzione del sistema immunitario. Alcuni esempi di verdure verdi sono asparagi, basilico, carciofo, cavolo, cavolo, cetriolo, cicoria, cime di rapa, prezzemolo, kiwi, indivia, zucchine, spinaci ecc.

  • Bianco – Tra i composti con azione protettiva in questo gruppo, troviamo il potassio e la fibra alimentare. Il potassio contribuisce al normale funzionamento del sistema nervoso, dei muscoli scheletrici e della pressione sanguigna. Invece, la fibra mantiene in salute il nostro intestino; quelli solubili come pectina, se assunti quotidianamente in almeno 6 g (come quello contenuto in circa tre mele) contribuisce al mantenimento di livelli normali di colesterolo nel sangue. Le mele e le cipolle hanno potenti antiossidanti come quercetina, catechina, allicina, cloridzina e acido clorogenico, mentre i funghi sono una delle principali fonti di selenio, che contribuisce al normale mantenimento di unghie, capelli, al normale funzionamento della tiroide e alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo. Le noci, e in particolare le noci, in quantità di almeno 30 g al giorno, contribuiscono al miglioramento dell’elasticità dei vasi sanguigni.

  • Blu, viola – Questo gruppo di alimenti contiene un fitochimico con azione antiossidante: antociani. Le verdure blu-viola sono molto buone per il sistema cardiovascolare e sono ricche di vitamina C che contribuisce al mantenimento della normale funzione del sistema immunitario durante e dopo un intenso sforzo fisico e alla formazione o rigenerazione del collagene (coinvolto nella normale funzione di ossa, cartilagini, gengive, pelle e denti). Il radicchio contiene anche una buona quantità di beta-carotene ed è una buona fonte di potassio, che contribuisce al normale funzionamento del sistema nervoso, ai muscoli e al mantenimento di una buona pressione sanguigna. Alcuni buoni esempi sono fichi neri, frutti di bosco, cavolfiore viola, melanzane, prugne, radicchio, uva nera.

Mangiare l’arcobaleno è la soluzione migliore per garantire l’assunzione giornaliera di micronutrienti nella dieta e preservare la salute. Inoltre, i macronutrienti come carboidrati, proteine e grassi devono essere bilanciati nella dieta e la corretta combinazione di diverse scelte alimentari nel piatto è la base di un’alimentazione sana.

Articolo a cura di Silvia Barbaresi

Leave Comment: